Film in concorso

501

LA METAMORFOSI
di Chris Swanton, da Franz Kafka.
Gran Bretagna, 2015; durata 85’
Basato sul romanzo Metamorfosi di Franz Kafka, il film tratta della storia di Gregor Samsa che, trasformato in un enorme insetto, rimane confinato nella sua stanza e viene emarginato dalla sua stessa famiglia. Presentato in anteprima nazionale dallo stesso regista al Terni Film Festival
Prima nazionale, domenica 12 novembre ore 16

DWIE KORONY (DUE CORONE)
di Michał Kondrat con Adam Woronowicz e Cezary Pazura
Polonia, 2017
Il film raconta la vita di Massimiliano Kolbe, franscescano Polacco nato a Zdunska Wola l’8 gennaio 1894 e morto ad Awschwitz il 14 agosto 1941, fondatore delle Milizie dell’Immacolata e della Città dell’Immacolata e morto ad Auschwitz, proclamato santo da Giovanni Paolo II nel 1982.
Prima nazionale sabato 18 novembre ore 17

LA NOTTE NON FA PIU’ PAURA
di Marco Cassini con Stefano Muroni e Giorgio Colangeli
Italia, 2017; durata: 62’
Il terremoto d’Emilia è stato in particolare il terremoto delle fabbriche; i morti sono stati soprattutto gli operai. Persone venute dal sud, dall’estero o dalla stessa provincia. Venute per lavorare. Persone seppellite vive dalle macerie di capannoni, industrie, fabbriche. Il film è una riflessione, anche esistenziale, oltre che essere il racconto di una scossa atroce: uno spiraglio di luce, quindi, una possibilità. E’ un racconto dal cuore umanissimo, non provocatorio, accusatorio e rabbioso, ma intimo, empatico e lucido, senza patetismi.
Domenica 12 novembre ore 21

ENKLAVE
di Goran Radovanovic
Serbia, 2015; durata: 92’ min
Nenad è un bambino serbo che vive a Vrelo, un villaggio albanese nel Kosovo post-bellico.
Ogni mattina va a scuola viaggiando in un blindato delle Nazioni Unite, che lo protegge dalle possibili aggressioni, e nella sua aula segue le lezioni da solo con la maestra. Il giorno della morte del nonno il bambino arriva attraversa le linee nemiche per avvisare il prete. Mentre sulle strade del villaggio matrimonio e funerale si incrociano come due universi paralleli incapaci di dialogo, Nenad si trova improvvisamente faccia a faccia con Bashkim: nelle mani dei due bambini la possibilità di riprodurre odio e divisione oppure di dare un piccolo, nuovo corso alla storia.
Mercoledì 15 novembre ore 17

BETWEEN WORLDS (TRA DUE MONDI)
di Miya Hatav
Israele, 2016 durata 84′
Il figlio di una coppia di ebrei ortodossi di Gerusalemme, Oeil, si ritrova in ospedale dopo essere stato gravemente ferito in un attacco terroristico; è la prima volta che lo vedono da quando ha abbandonato la religione e interrotto i rapporti con la famiglia. In corsia incontrano Amal, una giovane donna araba che dice di essere accorsa al capezzale del padre morente. Mentre si fa strada la verità, saranno tutti chiamati ad affrontare le difficili circostanze che li hanno riuniti.
Lunedì 13 novembre ore 22.30

LA SABBIA NEGLI OCCHI
di Alessandro Zizzo con Adelmo Togliani e Valentina Corti
Italia, 2016. Durata 100′
Beatrice, sposata con Sergio è molto impegnata come insegnante e nel mondo del volontariato come psicopedagogista. Un giorno scopre di avere una malattia invisibile, che le entra dentro e inizia a scorrerle nelle vene, impedendole di muoversi, di sorridere, di essere felice: una malattia che ha un nome difficile da memorizzare – Sjӧgren – ma pesante come un macigno.
Martedì 14 novembre ore 17.30

ESCAPES (FUGHE)
di Mercedes Gaspar
Spagna, 2017; durata: 90’. Proiezione in spagnolo con sottotitoli in inglese.
Dopo la morte del padre China – artista visuale di successo – intraprende un viaggio che la aiuterà a scoprire la vera essenza umana. Un viaggio che le farà capire che scappare via non è la soluzione. Un film on the road crudo, onirico e con un linguaggio sperimentale, con infiniti colpi di scena.
Giovedì 16 novembre ore 15.30

RETURNEE (IL RITORNO)
di Sabit Kurmanbekov
Kazakhstan, 2017; Durata: 95’
La famiglia Sparkuls cerca di ritornare in patria dopo essere emigrati in Afghanistan. Il Kazakistan, però non è pronto ad accogliere questa famiglia che cerca di sfuggire dalla guerra e le relazioni con chi è sempre rimasto non sono per nulla facili. Tuttavia non si possono cambiare le origini: quella è la terra dove vivranno i protagonisti e i loro discendenti. Il film ha vinto l’edizione 2016 del festival Religion Today di Trento.
Venerdì 17 novembre ore 23