IL FESTIVAL POPOLI E RELIGIONI APRE CON PAGLIA E D’ALATRI

189

ISTESS

Istituto di Studi Teologici e Storico Sociali di Terni
Cenacolo San Marco, via del Leone 12
05100 Terni – Tel. 0744424786

ANTEPRIMA DEL FESTIVAL POPOLI E RELIGIONI

CON ALESSANDRO D’ALATRI E VINCENZO PAGLIA

Sabato 17 novembre alle 18 al Museo Diocesano di Terni

Nanni Moretti, Carlo Verdone, Franco Battiato, Angelo Branduardi, Enrico Brizzi, Liliana Cavani, Ascanio Celestini, Giobbe Covatta, Maria Grazia Cucinotta, Alessandro D’Alatri, Fabio Bussotti, Francesco Salvi, Corrado Guzzanti, Sabrina Impacciatore, Neri Marcorè, Giuliano Montaldo, Jerzy Stuhr.

Sono solo alcuni dei protagonisti di Tra cielo e terra – cinema, artisti e religione, il libro di Arnaldo Casali, che sarà presentato sabato 17 novembre alle 18 al Museo diocesano, nell’evento di apertura dell’ottava edizione del Festival Popoli e Religioni.

Curato dall’Istituto di studi teologici e storico sociali di Terni ed edito da Pendragon, il volume raccoglie 5 saggi (firmati da Stefania Parisi, Vincenzo Paglia, Francesco Patrizi, Dario Viganò e Krzysztof Zanussi) e 19 interviste a personaggi del mondo dello spettacolo incentrate sul rapporto tra cinema e religione.

Si tratta, in gran parte, di incontri avvenuti nel corso delle prime 6 edizioni del festival cinematografico di Terni, organizzato dall’Istess in collaborazione con Umbria Vision Network, ma il volume propone anche alcuni dialoghi inediti e insoliti come l’intervista realizzata da Nanni Moretti ad Alice Rorchwacher in occasione della proiezione del suo film Corpo celeste al cinema Nuovo Sacher di Moretti.

Se Montaldo dichiara di considerare gli evangelisti i migliori sceneggiatori mai nati e Celestini scopre di inaspettate affinità teologiche con papa Ratzinger, Guzzanti racconta la nascita di “Quelo” e la sua passione per i fanatici religiosi, Marcoré il suo rapporto con papa Giovanni Paolo I e Impacciatore della sua esperienza sul set di Mel Gibson. Incentrata sulla figura di Francesco d’Assisi è invece l’intervista a Liliana Cavani, che tornerà al festival Popoli e Religioni sabato 24 novembre, mentre Jerzy Stuhr – che lo stesso giorno riceverà il premio alla carriera – parla di Kieslowski, di Moretti e di papa Wojtyla, originario come lui di Cracovia.

A presentare il volume, alle 18 al Museo Diocesano di Terni in piazza Duomo, sarà Alessandro D’Alatri, vincitore dell’Angelo alla carriera nel 2008, che a partire da I giardini dell’Eden ha sempre inserito nei suoi film dei forti contenuti religiosi, e dall’arcivescovo Vincenzo Paglia, presidente del Pontificio Consiglio per la famiglia.

La presentazione vedrà anche un breve contributo video di Francesco Salvi – che al festival sarà protagonista della serata di martedì 20 novembre – e alcune incursioni musicali di Emanuele e Riccardo Cordeschi, che eseguiranno brani di Battiato e Branduardi, i due cantautori presenti nel libro.

L’ingresso è libero.

Il galà di Vallantica

La serata di domani si concluderà con un galà nel resor Vallantica di San Gemini, main sponsor della manifestazione, a cui interverranno – fra gli altri – Alessandro D’Alatri, Angelo Longoni, Massimo Ciavarro, Simona Cavallari, Catherine Spaak, Carmen Russo, Enzo Paolo Turchi, Liliana De Curtis e Gisella Sofio.

L’inaugurazione

Domenica 18 novembre a partire dalle 17 inaugurazione ufficiale del festival nel segno della lotta alla mafia.

Protagonista della serata sarà infatti la figura di padre Pino Puglisi, il primo prete ucciso da Cosa nostra, che sarà beatificato a maggio, con la proiezione del film Alla luce del sole di Roberto Faenza alla quale interverranno – insieme al regista – l’arcivescovo Vincenzo Paglia, e Pino Martinez, fondatore del Comitato intercondominiale di Brancaccio, tra i più stretti collaboratori di Puglisi.

Particolarmente interessante sarà poi la testimonianza dei personaggi e degli interpreti del film: al dibattito parteciperanno infatti Alessia Goria (che interpreta suor Carolina Iavazzi) e Gregorio Porcaro, viceparroco di Puglisi, interpretato sullo schermo da Corrado Fortuna.

L’omaggio a Puglisi proseguirà anche lunedì 19 novembre con l’intervento – in apertura di serata alle 21 – dello stesso Corrado Fortuna (My name is Tanino di Paolo Virzì, Tutti pazzi per amore, Perduto amor di Franco Battiato, Baaria di Giuseppe Tornatore, To Rome with love di Woody Allen).

Ufficio stampa

Associazione Adesso

Info

Tel. 347.45.69.510

Translate »